Zuppa thai al latte di cocco e curry con tonno, funghi e cavoli

Latte di cocco e curry con tonno e verdure
Zuppa al latte di cocco e curry con tonno, funghi, kale e cavoletti di Bruxelles

Zuppa al latte di cocco e curry con tonno, funghi e cavoli

Una delle cose che preferisco della cucina è che ti aiuta a viaggiare. Riesce a trasportarti coi suoi sapori ed i suoi odori nei posti più remoti, oppure ti fa sentire a casa. Ai giorni nostri abbiamo la fortuna di poter reperire senza troppi problemi ingredienti da tutto il mondo, così da avere veramente tutto il mondo a portata di mestolo!!!

La ricetta di oggi ci aiuta a ricreare i profumi tipici del sud est asiatico: il curry col latte di cocco ed il lemongrass sono il motore di questa specie di teletrasporto… La zuppa al latte di cocco e curry, col suo sapore delicato, aromatico e fragrante, vi aiuterà a scaldarvi in queste fredde giornate autunnali. E come se non bastasse mangerete un piatto sano e allo stesso tempo davvero saporito.

 

Ingredienti per 2 persone:

  • 350 g di tonno fresco
  • 150 g di funghi misti
  • una decina di cavoletti di bruxelles
  • due manciate di kale
  • mezza cipolla
  • mezza carota
  • curry q.b.
  • lemongrass q.b.
  • zenzero q.b.
  • cannella q.b.
  • mandorle in scaglie q.b.
  • burro chiarificato (o normale) q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Preparazione

  1. Pulite la cipolla e la carota, fate in trito e lasciate appassire in una noce di burro.
  2. Pulite i cavoletti di bruxelles, tagliateli a metà e saltateli in una padella. Quando diventeranno di un verde acceso prendete le foglie esterne e tenetele da parte. Unite il resto dei cavoletti alla carota e alla cipolla.
  3. Aggiungete successivamente i funghi, regolate di sale e saltate il tutto qualche minuto.
  4. Versate il latte di cocco, allungandolo se necessario con dell’acqua calda.
  5. Aggiungete quindi il kale, il curry, il lemongrass, la cannella e lo zenzero. Portate a bollore per 2-3 minuti, dopodiché spegnete la fiamma.
  6. Tagliate a cubetti il tonno e versatelo insieme al resto della zuppa. Fate cuocere col calore residuo della stessa, senza bisogno di fiamma. Fate riposare il tutto e servite ancora caldo, spolverizzando con delle fettine di mandorle. Chi lo preferisce può aggiungere anche del piccante.

 

La Betta consiglia: Bourgogne blanc 2015 Etienne Sauzet

Precedente Ali di pollo alla soia e miele con chips di patate Successivo Lasagna zucca, funghi, salsiccia con besciamella alle castagne