Ribollita Toscana

DSCN5556 Ribollita Toscana Autunno Cucina Regionale Healthy Stagionali Toscana Vegan Friendly Zuppe  zuppe verza toscana ribollita cucina con giò cavolo nero cannellini
Ribollita toscana

Ribollita toscana

IMG_20171117_041134_625-150x150 Ribollita Toscana Autunno Cucina Regionale Healthy Stagionali Toscana Vegan Friendly Zuppe  zuppe verza toscana ribollita cucina con giò cavolo nero cannellini   Da bambino, come molti bambini, non ero un fan delle zuppe e delle verdure. Crescendo, la ribollita toscana tuttavia è stato uno dei primi piatti con le verdure che non solo sono riuscito a mangiare, ma che anzi mi è davvero piaciuto! Oggi quasi non vedo l’ora che arrivi questo periodo dell’anno per poterne fare vere e proprie scorpacciate, soprattutto con del buon pane, magari casereccio.

La ribollita diventa ancora più buona se preparata il giorno prima e lasciata riposare in modo che tutti i sapori si amalgamino al meglio. Per cui non abbiate paura di prepararne in quantità industriali: il giorno dopo, quella avanzata, sarà ancora più buona!

ribollita-toscana Ribollita Toscana Autunno Cucina Regionale Healthy Stagionali Toscana Vegan Friendly Zuppe  zuppe verza toscana ribollita cucina con giò cavolo nero cannellini

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 gambi di sedano
  • 2 carote
  • una cipolla
  • uno o due mazzi di cavolo nero
  • qualche foglia di cavolo verza
  • 200 g di fagioli cannellini secchi
  • qualche fetta di pane raffermo
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • olio evo q.b.
  • rosmarino q.b.

Preparazione

  1. La sera prima mettere in ammollo i fagioli. Prima di preparare la zuppa farli bollire in acqua e una volta cotti tenerli da parte.
  2. Preparare un brodo con parte di sedano, carote e cipolla e tenerlo da parte.
  3. Fare un soffritto con il restante sedano, carote e cipolla, aggiungere quindi i cavoli, unire il brodo e fare appassire il tutto.
  4. Lasciar bollire la zuppa per un paio d’ore, aggiungendo i fagioli ed il rosmarino gli ultimi 30 minuti.
  5. Una volta intiepidita, far ribollire nuovamente insieme a pezzi di pane raffermo. A fine cottura aggiungere un filo d’olio a crudo ed il pepe.

 

La Betta consiglia: Chianti classico Ormanni

 

Precedente Panino con polpette al sugo e provola Successivo Pizzoccheri della Valtellina