Pizzoccheri della Valtellina

DSCN5570 Pizzoccheri della Valtellina Autunno Cucina Regionale Inverno Lombardia Pasta secca Primi piatti Primi vegeteriani  verza vegetariano valtellina pizzoccheri patate parmigiano grana padano ghee fontina cucina con giò casera burro chiarificato burro bitto
Pizzoccheri della Valtellina

Pizzoccheri della Valtellina

Sono cresciuto non lontano dalla Valtellina, ed i Pizzoccheri della Valtellina sono sempre stati uno di quei piatti umili ma sostanziosi che riuscivano a deliziarmi scaldandomi corpo e spirito. Per un’ottima riuscita del piatto fondamentale, come sempre, è la scelta di ingredienti di qualità. In particolare l’uso dei formaggi locali come il Casera ed il Bitto, ed un buon burro di malga. Purtroppo so bene che sono prodotti difficili da trovare allontanandosi dalla zona, per cui la soluzione migliore è di scegliere un formaggio semigrasso insieme ad uno più stagionato. Ingredienti di più facile reperibilità possono essere ad esempio la Fontina ed il Grana Padano (o il Parmigiano), con i quali potrete comunque ottenere un buon risultato. Ma non abbiate timore di sperimentare anche con formaggi d’eccellenza della vostra terra.

Alternativa al burro comune

Per quanto riguarda il burro, se avete paura di eccedere con i grassi, il mio consiglio è quello di convertirvi al burro chiarificato. Si tratta di un burro dal quale vengono eliminate acqua e caseina (quindi senza lattosio), conosciuto da migliaia di anni in India col nome di ghee. Quello occidentale si ottiene tramite processi diversi da quelli tradizionali orientali, pur tuttavia conservando le medesime proprietà benefiche, ovvero antinfiammatorie, coadiuvanti del sistema immunitario e dell’apparato digerente.

Secondo recenti studi scientifici pubblicati sul British Journal of Nutrition, previene l’aumento della massa grassa in favore di quella magra. È inoltre ricco di CLA, l’acido linoleico coniugato, con elevato potere antiossidante, che diminuisce il colesterolo e il rischio di malattie cardiovascolari. Avendo un punto di fumo più alto (intorno ai 200°C, difficilmente raggiungibili in padella) sarà molto più difficile ingerire particelle tossiche di grassi bruciati. Infine aiuta ad assimilare le vitamine liposolubili contenute al suo interno, quali le vitamine A, D, E e K.

Non abbiate quindi paura di usarlo ogni tanto, pur sempre senza esagerare e all’interno di una dieta ben equilibrata e bilanciata. Cercate piuttosto di sostituirlo nei piatti in cui solitamente utilizzate il burro comune, come questi Pizzoccheri della Valtellina, e ne guadagnerete sicuramente in salute. Se volete approfondire, trovate ulteriori informazioni a questo link.

Se le troppe calorie vi spaventano, potete diminuire le quantità di burro e formaggio, ma ovviamente a discapito del sapore. [visualizer id=”2228″]

pizzoccheri Pizzoccheri della Valtellina Autunno Cucina Regionale Inverno Lombardia Pasta secca Primi piatti Primi vegeteriani  verza vegetariano valtellina pizzoccheri patate parmigiano grana padano ghee fontina cucina con giò casera burro chiarificato burro bitto

Ingredienti per 2 persone:

  • 150 g di pizzoccheri
  • una patata
  • 80 g di verza
  • 30 g di cavolo nero (o altra verdura a foglia di stagione)
  • 90 g di Casera (o un formaggio semigrasso, ad es. fontina)
  • 20 g di Grana Padano
  • 40 g di burro (chiarificato)
  • uno spicchio d’aglio
  • sale q.b.

Preparazione

  1. Pelate e tagliate la patata in pezzi piuttosto spessi, di dimensione uniforme.
  2. Pulite la verza eliminando le foglie più esterne e la costa centrale più coriacea. Lavate e pulite anche il cavolo nero eliminando la parte centrale più dura. Affettate le verdure a fette non troppo grandi.
  3. Portate ad ebollizione una pentola d’acqua, salata, aggiungete le patate e lasciate cuocere 3-4 minuti. Successivamente unite le verdure e fate cuocere altri 3-4 minuti. Sempre nella stessa acqua versate infine i pizzoccheri mescolando e finite di cuocere il tutto per il tempo indicato sulla confezione di pasta.
  4. Nel frattempo, a parte, fate sciogliere il burro con lo spicchio d’aglio in camicia.
  5. Grattugiate i formaggi e mescolateli.
  6. Scolate i pizzoccheri aiutandovi con una schiumarola, versateli in un tegame alternado uno strato di pizzoccheri (con verdure e patate) ed uno strato di formaggi.
  7. Terminati gli ingredienti coprite con un coperchio o un canovaccio il tegame, in modo da agevolare lo sciogliersi dei formaggi per mezzo del calore dei pizzoccheri.
  8. Quando il burro avrà raggiunto un color nocciola togliete l’aglio, scoprite i pizzoccheri e versatevi il burro fuso sopra, mescolando delicatamente per amalgamare il tutto.
  9. Impiattate e servite i Pizzoccheri della Valtellina caldi e filanti.

 

La Betta consiglia: rosso di Valtellina 2013 Ar.pe.pe

 

Precedente Ribollita Toscana Successivo Zucca ripiena filante al forno