Pasta con le sarde “cucina con Giò”

"<yoastmark

Pasta con le sarde “cucina con Giò”

 

"<yoastmark

La pasta con le sarde è un piatto tipico della cucina siciliana, e come ogni piatto della tradizione che si rispetti, non esiste una versione unica e fissa. Ogni città ed ogni famiglia ritiene di avere la ricetta autentica, ed il dibattito è sempre acceso. Mentre queste persone perdono tempo a discutere, visto che qualsiasi corrente di pensiero decidiate di seguire ne verrà comunque fuori un piatto sensazionale, io mi “accontento” di continuare a mangiare tutte le combinazioni possibili…

Finora la ricetta che mi ha conquistato di più è questa che sto per scrivervi, ma sono sempre pronto a provare nuovi suggerimenti e correzioni, quindi non abbiate paura di propormi la vostra versione: non mi stancherei mai di mangiare pasta con le sarde! 😋🔝

Quella che vi propongo è adattata a questo periodo dell’anno, quando non si trova il finocchietto selvatico necessario per la pasta con le sarde originale. La soluzione per richiamarne il sapore è utilizzare del finocchio insieme a semi di finocchio selvatico. Io inoltre ho optato per una versione “full optional”, con mandorle oltre ai pinoli, della mollica tostata anziché pangrattato, un’odore di zafferano. La ricetta è semplice, equilibrata e ricchissima di sapori! [visualizer id=”2031″]

pasta con le sarde

Ingredienti per 2 persone:

  • 200 g di bucatini
  • mezzo finocchio
  • semi di finocchio selvatico q.b.
  • mezza cipolla
  • 2 filetti di alici
  • 200 g di sarde fresche
  • sale e pepe q.b.
  • 10 g di pinoli
  • 10 g d’uva passa
  • 10 g di mandorle tostate e tritate
  • un pizzico di zafferano
  • 30 g di mollica di pane
  • olio q.b.

Preparazione

  1. Tagliate a fette il finocchio. Lessatelo in una pentola con dell’acqua bollente salata. Scolatelo tenendo l’acqua da parte, e tagliatelo a cubetti piccoli.
  2. Pulite e spinate le sarde fresche, tenendo da parte una di queste. Nel frattempo fate ammollare l’uvetta lasciandola completamente immersa in una ciotola piena d’acqua tiepida per 10 minuti, quindi scolatela. Tostate la mollica, le mandorle tagliate a fette sottili ed i pinoli.
  3. Mettete una padella su un fuoco di media intensità con l’olio e, quando questo sarà caldo, aggiungete la cipolla tritata finemente ed i semi di finocchio selvatico. Una volta dorata la cipolla, unite le alici facendole sfaldare, e subito dopo le sarde fresche, l’uvetta, la mollica, i pinoli e le fettine di mandorle tostate.
  4. Fate cuocere per circa 10 minuti, quindi regolate di sale e pepe, aggiungete i finocchi a cubetti ed un pizzico di zafferano, mescolate delicatamente, abbassate la fiamma e fate cuocere per altri 10 minuti.
  5. In una padella piccola, soffriggete la sarda tenuta da parte e tagliate un filetto per la decorazione del piatto.
  6. Fate quindi cuocere la pasta nell’acqua di cottura dei finocchi. Due minuti prima del termine del tempo di cottura indicato sulla confezione scolate la pasta, finite di cuocere con la salsa di sarde e finocchio, fate riposare 2-3 minuti, impiattate, guarnite e servite.

 

La Betta consiglia: Fiano di Avellino Pietramara Etichetta bianca 2010 I Favati

Precedente Pollo alle mandorle con insalata di cavolo rosso e mela verde Successivo Pumpkin spice latte