Fagottelli La Pergola

Fagottelli La Pergola

Fagottelli La Pergola

Voglia di carbonara? Provatela in questa fantastica versione dello chef stellato Heinz Beck. Un’esplosione di gusto e di sapori. La ricetta che vi illustro è parzialmente semplificata e riadattata, ma rimane lo stesso qualcosa di indescrivibile: il ripieno liquido al gusto di carbonara vi sorprenderà, ve l’assicuro! Da quando li ho provati la prima volta, sono diventati ufficialmente il mio piatto preferito…

Certo, non si può dire che siano leggeri o privi di colesterolo, ma l’uovo lasciato liquido resta molto più digeribile, e poi Emma Morano ha superato i 116 anni mangiando tre uova al giorno, quindi non dobbiamo demonizzarle troppo. Oggi è un giorno di festa, godiamocelo fino in fondo anche a tavola.  [visualizer id=”1640″]

Ingredienti per 2 persone:

  • per la pasta
    • 80 g di farina
    • 40 g di semola
    • 1 tuorlo + 1 uovo
  • per il ripieno
    • 3 tuorli
    • 25 g di pecorino
    • 10 g di parmigiano
    • 50 g di panna
    • sale
    • pepe
  • per la guarnizione
    • guanciale
    • pecorino
    • zucchine

 

Preparazione

  1. Cominciate dal ripieno. Montate le uova a bagnomaria, aggiungendo i formaggi, sale e pepe. Fate raffreddare, unite anche la panna fresca montata. Mettete in freezer in un sac-à-poche per circa un’ora, affinché il composto diventi più compatto.
  2. Nel frattempo dedicatevi alla pasta. Amalgamate le farine e le uova, lavorate con i polsi, formate una palla liscia e compatta. Copritela con pellicola alimentare e lasciatela riposare almeno 30 minuti in frigorifero.
  3. Dopodiché tiratela sottilmente e col sac-à-poche stendete il ripieno distanziandolo l’uno dall’altro di un paio di centimetri. Ripiegate la pasta e pressate con le dita facendo attenzione a far uscire tutta l’aria. Chiudete e ritagliate i fagottelli dandogli la forma caratteristica.
  4. Tagliate il guanciale, grattugiate le zucchine e saltate il tutto in padella.
  5. Cuocete i fagottelli in acqua bollente salata per 60-90 secondi (a seconda dello spessore dalla sfoglia), facendo ben attenzione a lasciare l’interno liquido e non coagulato. Scolate la pasta e mantecatela rapidamente con il guanciale e le zucchine, aggiungendo il pecorino.

 

La Betta consiglia: Trebbiano  d’Abruzzo 2010 Emidio Pepe

 

Precedente #Boccaccidamare N.5 - Crespelle con zucchine e besciamella Successivo Non-sushi alla Giò - Salmone in olio cottura con mousse di avocado al wasabi