Cozze alla marinara di Carlo Cracco

20171217_035421jccg Cozze alla marinara di Carlo Cracco Antipasti Feste & Ricorrenze Finger Food Natale & Capodanno  pomodori confit pasta fillo nero di seppia cucina con giò cozze alla marinara cozze carlo cracco
cozze alla marinara secondo Cracco

Cozze alla marinara di Carlo Cracco

Sembrano “semplici” cozze alla marinara… Ma se vi dicessi che di queste cozze si mangia tutto, ma proprio tutto?! Già, anche il guscio!!! Pochi giorni fa YouTube mi ha consigliato questo video di Cracco ospite da Benedetta Parodi, in cui proponeva proprio queste cozze, così ho pensato innanzitutto di provarle, e poi di riproporle anche a voi… Mi sembrano ideali come finger food o antipasti per le feste natalizie, in cui potrete stupire i vostri ospiti servendogli delle cozze alla marinara di cui non si butta via niente!

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 12 cozze
  • uno spicchio d’aglio in camicia
  • vino bianco secco
  • 12 pomodorini ciliegini molto piccoli
  • zucchero a velo q.b.
  • pasta fillo q.b.
  • nero di seppia q.b.
  • olio evo q.b.

Preparazione

  1. Sbollentate un minuto i pomodorini incidendone la pelle, scolateli, spellateli ed infornateli spolverizzandoli con lo zucchero a velo, per circa 30 minuti a 160°C.
  2. In una padella calda mettete l’olio con lo spicchio d’aglio, adagiatevi le cozze, sfumate col vino, coprite la padella col coperchio e fatele aprire.
  3. Una volta aperte separate le valve dal mollusco.
  4. Asciugate le valve delle cozze e usatele come stampi ricoprendole con un foglio di pasta fillo. Prendete la valva foderata con pasta fillo, ricopritela con l’altra valva corrispondente e infornate sempre a 160°C per qualche minuto (controllate la cottura della pasta fillo).
  5. Estraete la pasta fillo dai gusci delle cozze e con un pennellino da cucina dipingetela spennellandola col nero di seppia. Lasciate asciugare.
  6. Componete il finger food disponendo in ogni “guscio” una cozza ed un pomodorino confit.

 

La Betta consiglia: champagne Marie Noelle Ledru

 

Precedente Gamberoni su nuvole di spaghetti fritti Successivo Baccalà mantecato e scarola con olive e pinoli